Michele Pirro è campione SBK del CIV 2015. Sotto l’incessante pioggia abbattutasi al Mugello, il pilota di San Giovanni Rotondo, collaudatore della Ducati in MotoGP, ha conquistato, con una gara d’anticipo, il Titolo Tricolore portando la Ducati Panigale R del Barni Racing Team sul secondo gradino del podio, dietro solo

Una stagione perfetta per il rider pugliese vincitore di ben cinque prove su dieci del Campionato Italiano Velocità oltre alle positive prove da wild-card sia nella classe regina della MotoGP che nel Mondiale SBK: “Sono molto contento di aver conquistato il titolo Superbike. Quest’anno oltre al CIV ho avuto la possibilità di disputare diversi gran premi come wild card in MotoGP e in Superbike ed è sempre molto difficile, di volta in volta, riabituarsi alle diverse caratteristiche delle moto e degli pneumatici. Dopo i due zeri del round di Imola, la lotta al tricolore si è completamente riaperta e nella gara di oggi, nonostante avessi un ottimo feeling, ho deciso di non prendere inutili rischi”.

Pirro, poi, fa i complimenti al suo compagno di squasra: “In questa stagione sono salito sul gradino più alto del podio in tutte le gare che ho concluso ma oggi Ivan ha meritato la vittoria dispuntando una grande prova. Ringrazio tutti coloro che mi hanno dato l’opportunità di disputare il Campionato Italiano Velocità: la Ducati, gli sponsor, il Barni Racing Team e la Michelin. Ho avuto la possibilità di correre con un pacchetto vincente ed oggi sul bagnato, le prestazioni degli pneumatici hanno fatto la differenza. Un grazie speciale anche a tutti i miei fan e al gruppo sportivo Fiamme Oro”.

A contribuire allo straordinario successo di giornata del Barni Racing Team, l’incredibile vittoria di Ivan Goi, autore di una strepitosa performance sul bagnato. Nonostante le condizioni scivolose del tracciato toscano, l’alfiere della squadra bergamasca ha saputo guidare al meglio la sua Panigale R gommata Michelin, tagliando in solitaria il traguardo del penultimo appuntamento stagionale. Grazie al risultato di oggi il mantovano è secondo in classifica generale a soli due lunghezze dal rivale Alessandro Andreozzi (Aprilia) e quattro da Roberto Tamburini (BMW): “Siamo contentissimi per i risultati e per aver conquistato l’ottavo titolo nazionale - ha detto Marco Barnabò, Principal Manager della squadra -. Le condizioni della pista erano davvero difficili e le possibilità di errore elevate! La tensione durante la gara era altissima, ma alla fine siamo riusciti a concludere la manche con entrambi i piloti sul podio. Ivan ha conquistato una vittoria strepitosa e anche Michele ha fatto un’ottima gara. Ringrazio la Ducati, la Michelin e tutti i nostri sponsor per aver contribuito a questo successo!”.