Sono stati presentati mercoledì 4 giugno a Milano il TomTom Traffic Index 2014, il report mondiale delle città più trafficate realizzato per il quarto anno consecutivo da TomTom. Secondo i dati del barometro di congestione stradale, basato su oltre 10 trilioni di misurazioni giornaliere, i primi due posti nella classifica italiana delle città più trafficate sono sempre appannaggio di Palermo e Roma, che riescono nell’impresa di battere alcune delle più grandi città europee come Londra e Parigi, ma anche megalopoli come Los Angeles.

Il capoluogo siciliano vanta, si fa per dire, un indice di congestionamento pari a 39% (ovvero ci vuole il 39% di tempo in più per percorrere un tratto di strada trafficato rispetto al tempo che verrebbe impiegato in una situazione di traffico regolare) e conquista il terzo posto a livello europeo dietro solo a Mosca e Istanbul. Ogni ora a Palermo si perdono ben 37 minuti e in un anno il pendolare palermitano spende ben 87 ore della sua vita in coda.  Per quanto riguarda Roma, seconda classificata, l’indice di congestionamento è pari al 37% (una media tra il 26% sui tratti autostradali e il 41% raggiunto sulle caotiche strade urbane). In terza posizione troviamo Napoli, che con un indice del 28% sorpassa Milano. Un vero annus horribilis per il capoluogo campano, che passa dal 22° al 14° posto a livello europeo, peggiorando in tutti gli indici del report TomTom: dal traffico sulle strade urbane (che passa dal 37% dello scorso anno all’attuale 40%) al ritardo che si accumula nell’ora di punta (da 25 a 27 minuti), fino alle ore che ogni anno i cittadini passano i coda (da 67 a 71).

Perde una posizione migliorando la sua performance Milano, che guadagna il quarto posto avendo ridotto di 4 ore l’anno il tempo trascorso nel traffico dai suoi pendolari: il capoluogo lombardo ha registrato, negli ultimi tre anni, un trend costantemente positivo che continua nel 2013 nonostante i cantieri in vista di Expo 2015. L’indice di congestionamento meneghino non prende in considerazione solo la città ma è stato studiato su un totale di 16277 km totali (pari all’area della Grande Milano), suddivisi in 347 km di tratti autostradali e 15930 km di strade secondarie. L’indice di congestionamento risulta pari al 27% mentre migliorano entrambi gli indici che riguardano il ritardo medio nell’ora di punta, che passa da 37 minuti a 34, e il tempo speso in coda nel corso dell’anno (da 87 ore a 83).

Al quinto posto si trova Catania, che esordisce per la prima volta nel report con un indice del 24%. Sui circa 6500 km di rete stradale catanese, i cittadini spendono 61 ore all’anno, e il trend rispetto all’anno precedente peggiora sensibilmente. Nella classifica italiana trovano spazio anche Bari (22%), Bologna, Genova, Firenze e Torino (tutte al 20%). La fotografia scattata dal TomTom Traffic Index analizza anche l’andamento del traffico all’ora di punta, confrontandolo con i livelli che si registrano nei momenti più calmi della giornata. Il picco del traffico mattutino conferma Roma al primo posto con tempi di percorrenza che aumentano addirittura dell’71%, seguita da Milano (+62%) e Palermo che registra un incremento del 60% piazzandosi davanti a Napoli (+43%) e Genova (+37). Situazione analoga alla sera, che vede Roma e Palermo in testa con +64%, segueita da Milano (+52%) e Napoli.

La metodologia utilizzata per l’indice di congestionamento è basata sul confronto tra i tempi di percorrenza dei tragitti nei momenti privi di traffico (ad esempio di notte) e i tempi di percorrenza nelle ore di punta. La differenza è espressa come incremento percentuale in termini di durata del viaggio. Il valore tiene conto delle strade locali, delle arterie e anche delle autostrade. Tra le fonti utilizzate ci sono i flussi provenienti da 350 milioni di dispositivi Gps, dati governativi e fonti giornalistiche. I dati raccolti testimoniano quanto lavoro ci sia ancora da fare per gli amministratori delle grandi città italiane, specie quelle del Sud, per migliorare il traffico e la mobilità urbana.

Ecco la Top 10 italiana:

PosizioneCittàLivello di congestione (%)Ritardo nell’ora di punta (min)Ore di coda in un anno
1

Palermo

39

37

87

2

Roma

37

40

92

3

Napoli

28

27

71

4

Milano

27

34

83

5

Catania

24

22

61

6

Bari

22

19

55

7

Genova

20

22

61

8

Torino

20

22

61

9

Bologna

20

23

63

10

Firenze

20

21

59

LEGGI ANCHE

TomTom GO gratis per Android 

TomTom festeggia 10 anni

Soddisfatti o rimborsati: nuova campagna di TomTom