Non è un campione ma IL campione. “Cannibale”, “extraterrestre”, tutti i soprannomi sono adeguati: quando si parla di rally, Sébastien Loeb è la leggenda indiscussa. Lo testimoniano tutti i record che ha stracciato. Ne bastano due: 9 campionati del mondo (consecutivi) e 78 vittorie assolute. E ora ha deciso di “cambiare vita”, lasciando tornanti e sterrati per la pista e le vetture superturismo. Dopo la stagione 2013 trascorsa prevalentemente nel Fia GT Series, Loeb parteciperà nel 2014 al campionato mondiale Wtcc al volante della Citroën C-Elysée. Farà squadra con Yvan Muller, che si è appena confermato campione della categoria per la quarta volta.

Il marziano dell’Alsazia si è intrattenuto con la redazione di Leonardo.it durante il salone di Francoforte. Ecco il video dell’intervista con Loeb, seguito dalla trascrizione in italiano.

Le hai provate tutte: rally, GT, Pikes Peak, superturismo: qual’è la macchina più divertente?

Ogni auto è differente. Il Rally è divertente, la performance della macchina è la più entusiasmante. In pista invece combatti con le altre vetture. Ma io mi diverto in ogni situazione“.

E l’auto più difficile da guidare?

Il Wtcc è una disciplina in cui ho molto da imparare. Tuttavia penso che in generale l’auto più dura da pilotare sia quella da rally; ma è anche una categoria dove ho una grande esperienza, per cui è per me più naturale. Comunque sono necessarie abilità differenti per i diversi tipi di corse“.

E ora l’avventura del Wtcc dopo i trionfi nei rally.

Sono entusiasta di questa nuova sfida. Volevo ritirarmi dal rally, continuare a pilotare ma fare qualcosa di diverso. Sono veramente felice di poter competere nel campionato Wtcc con Citroën e di cominciare questo progetto“.

Col tuo compagno di squadra Yvan Muller vi conoscete da anni, anche se non avete mai corso insieme. Quali sviluppi possono derivare da un team di questo tipo?

Facciamo come sempre: la Citroën propone il tipo di lavoro da fare sulla macchina, poi un giorno provo io, l’altro lui. Quindi mettiamo insieme le nostre impressioni sulla vettura per contribuire a migliorarla“.

Qual’è la tua vittoria preferita?

La vittoria che ricordo con più soddisfazione è quella del 2010 nel rally di Francia, quando ho corso per le strade della mia città natale (Haguenau, vicino a Strasburgo, ndr), vincendo il rally e anche il campionato del mondo davanti alla mia famiglia e ai miei amici.

Cosa pensi del pubblico italiano?

Ovviamente, essendo io francese, sono molto più seguito in Francia. Ma anche in Italia trovo spettatori entusiasti, è veramente un pubblico di alto livello“.

Qui sotto una gallery su Sébastien Loeb a Francoforte e la Citroën C-Elysée che guiderà nel Wtcc 2014.