Reinvenzione, creatività e tecnologia a servizio del benessere. Sono queste le parole chiave alla base del concept della C4 Cactus di Citroënnuovissima vettura della casa automobilistica francese, nata con l’intento di soddisfare i nuovi desideri di una clientela sempre più attenta alla praticità, ma anche al design di un prodotto esclusivo, ma comunque accessibile.

Ad accogliermi ad Amsterdam per il test drive sulle 4 ruote Cactus un tempo degno di un freddo pomeriggio novembrino: pioggia, vento e 13 gradi, decisamente incoerente con il nome della vettura, piuttosto evocante un caldo deserto africano, ma va bene così, non lamentiamoci, in fondo di questi tempi anche il sole sarà in spending review e i paesaggi olandesi hanno il loro fascino anche sotto un cielo plumbeo.

Comoda la posizione di guida della C4 Cactus, molto confortevole nella versione automatica dell’autovettura diesel e-Hdi 1.6 litri BlueTech, provvista di un vero e proprio sofa unico per entrambi i passeggeri grazie alla possibilità di spostare il cambio più avanti, decisamente meno funzionale nella tipologia a benzina dove i due sedili sono separati da un poggiabraccio singolo che porta la destra del guidatore a scontrarsi troppo spesso con quella dell’accompagnatore.

Studiato nei minimi particolari il cruscotto con inserti in pelle che ricordano i dettagli di una valigia; essenziale in tutte le sue parti grazie alla possibilità di gestire condizionatore, navigatore, radio, applicazioni dallo schermo con touchscreen di serie; il contachilometri è digitale con suggeritore di marcia. Il tutto è alleggerito dallo spostamento degli airbag in alto, opzione che rende più spazioso il vano portaoggetti, ma che tende ad abbassare il tettuccio della vettura rendendolo forse un po’ più angusto per gli over 180 cm. Ottima la visibilità tipica di un crossover, il cambio manuale con cinque marce si comanda bene, gli innesti sono fluidi, il poggiapiede, adeguato nelle dimensioni. Spazioso il bagagliaio che contiene dai 348 ai 1070 litri, la lunghezza è di 4 metri e 16 cm, la larghezza di 173 cm.  

Da citare il rivestimento poliuretanico dell’Airbump, tecnologia esclusiva (ve ne avevamo parlato qui), sviluppata in 3 anni, provata milioni di volte a temperature estreme: la sintesi del concetto di funzionalità estetica, una sfida audace e tecnologica che la casa francese vanta di aver ideato per prima su scala mondiale badando anche al design e alla potenzialità di personalizzazione di questa vettura grazie a 4 colori differenti.

Il motore turbo benzina è ideale per un impiego a tutto tondo, il diesel è decisamente consigliabile a chi non copre decine di migliaia di chilometri. Apprezzabile, ad ogni modo, la quantità super ridotta di emissioni del nuovo BlueHdi 100 cavalli: appena 87 g/km di Co2, le minori di tutta la gamma Citroen. Per ridurre i consumi si elimina il peso superfluo: la C4 Cactus pesa 200 kg in meno delle sue simili grazie all’uso di più alluminio, sedile monoblocco posteriore, vetri con chiusura a compasso, Magic Wash (i diffusori del liquido lavacristalli sono integrati nelle estremità delle spazzole tergicristallo, in modo da erogare solo un sottile strato di liquido).

Listino prezzi Citroen C4 Cactus

All. LIVE
1.2 PureTech 75 cavalli – 14.950 euro
1.6 BlueHdi 100 cavalli – 18.250 euro

All. FEEL
1.2 PureTech 75 cavalli – 16.450 euro
1.2 PureTech 82 cavalli – 16.700 euro
1.2 PureTech 82 cavalli con S&S ETG6 – 17.550 euro
1.2 PureTech 110 cavalli S&S – 18.200 euro
1.6 e-Hdi 90 cavalli ETG6 – 20.000 euro
1.6 BlueHdi 100 cavalli – 19.750 euro

All. SHINE
1.2 PureTech 82 cavalli – 18.450 euro
1.2 PureTech 82 cavalli S&S ETG6 – 19.300 euro
1.2 PureTech 110 cavalli S&S – 19.950 euro < – VERSIONE IN PROVA
1.6 e-Hdi 90 cavalli ETG6 – 21.750 euro
1.6 BlueHdi 100 cavalli – 21.500 euro < – VERSIONE IN PROVA