Provo finalmente la Citroen C4 Cactus che ritiro nella sede di via Gattamelata a Milano abbracciandola nella sua livrea grigio nera con quel tocco di rosso. Ed è subito feeling. E’ anche in tinta con lo smalto che porto oggi! Adesso, sei mia: Ti tocco! O meglio accarezzo i famosi airbump, messi in punti veramente strategici: lungo la fiancata e ai quattro angoli della carrozzeria, a protezione quindi anche dei fanali. Nello specifico sono delle capsule d’aria inserite in un morbido materiale di poliuretano termoplastico TPU. Di fatto salvano il nostro portafogli da appuntamenti non previsti in carrozzeria per i nostri incontri con pilastri non visti, sportellate e parcheggi vivaci.
In pochi secondi sono alla guida: è comoda, il posto a sedere è grande, la mia versione a benzina con motore 3 cilindri da 82 Cv è silenziosa e mi ritrovo ferma al semaforo con a fianco una Porsche Cayenne (sporchissima di fango, che strano)… che fanno i passanti? Mi illudono, mi hanno riconosciuta ma no… guardano la Cactus e si fermano per indicarla! Scatta il verde, meglio andare, devono assolutissimamente vederla le mie amiche! Cactus ha infatti un design assolutamenmte originale, sembra una concept car, modernissima e anche sciccosa come lo sono le Mini.

Impressioni su Citroen C4 Cactus

Non fate così anche voi quando avete una nuova macchina? Io sono curiosa di saper cosa ne pensano! Ecco i primi commenti raccolti, Viviana: Ma è la Cactus?? è notevole! Non l’avevo ancora vista com’è originale! Ma queste protezioni? Sara: ho appena rifatto la portiera della mia macchina al supermercato con un paletto ieri, lei sarebbe perfetta, e mio marito felice! Alice: ma quanti cavalli? E’ comoda per andare fino a Milano Marittima? Il quadro strumenti è un display? Romina: ma i finestrini dietro non si aprono (sono a compasso, ndr)? Che sedili giganti! Ovviamente è istintivo, avanti provate TOCCATELA!

Citroen C4 Cactus caratteristiche

La C4 Cactus ( lunga 4,16 mt, larga 1,73 e alta 1,49 (1,54 con le barre sul tetto) è più compatta di quello che sembra, i sedili anteriori sembrano un salottino e davanti troviamo l’Airbag “in Roof” quello del passeggero all’altezza del parasole in modo da avere un bel cassettone portaoggetti; il quadro strumenti è stato sostituito da un display digitale con schermo Touch Pad 7” di serie, facile e intuitivo con tutte le principali funzioni quali climatizzazione, multimedialità, navigazione, impostazioni, telefono e servizi di assistenza alla guida.
Non manca il Park Assist (optional la telecamera) che aiuta nella ricerca del parcheggio e i tergicristalli con tecnologia “Smart Wash” per mantenere una visibilità costante durante il lavaggio del parabrezza: i diffusori da cui fuoriesce l’acqua sono infatti incorporati nelle estremità delle spazzole.

Citroen C4 Cactus motorizzazioni

La gamma motori, tutti Euro6, è composta da tre benzina della famiglia PureTech a tre cilindri e 1.2 di cilindrata, da 75 CV o 82 CV (quest’ultimo anche con Stop&Start) e il turbocompresso con Stop&Start di serie, da 110 CV per 188 km/h di velocità massima. Due i diesel, 1.600 cc anch’essi con Stop&Start di serie: l’e-HDi da 92 CV e 230 Nm di coppia e il BlueHDi da 100 CV e 254 Nm. Per le versioni col cambio pilotato ETG con palette al volante, la classica leva è stata rimpiazzata dal sistema “Easy Push”, ovvero un comando a tre pulsanti D,N,R posti nella parte bassa della plancia.

Citroen C4 Cactus prezzo

Numerose possibilità di personalizzazione: 10 tinte di carrozzeria, tre colorazioni di Airbump-fasce paracolpi-profili passaruota, ai tre ambienti interni. Il prezzo di entrata parte da 14.950 euro a 21.500 e a bordo tutta la tecnologia per la sicurezza e il piacere di guida, ma con attenzione all’emissioni per l’ambiente.
Resistere è difficile, la Cactus cattura!!!
La versione da noi provata è la C4 Cactus 1.2 VTI 82 Shine Edition– Urban che comprensiva della opzioni a pagamento colore carrozeria metalizzato, rcsn radio digitale, ruotino di scorta, pack park assist, e connect box a un prezzo finale di 20.200 euro.