La Citroen continua la sua opera di rinnovamento anche attraverso automobili alternative che strizzano l’occhio alla creatività del Marchio, come la nuova Mehari, ribattezzata E-Mehari, che sarà presentata domani.

Si tratta di un’auto totalmente elettrica, realizzata in sinergia con Bolloré, che consente di far rivivere in modo decisamente attuale ed ecologica un’icona del passato e che ancora è possibile vedere in alcune località turistiche.

Contraddistinta da una carrozzeria in plastica, che verrà realizzata in 4 tinte, e da una capote in tela disponibile in due colori, così come i rivestimenti interni, la E-Mehari si annuncia modaiola e sbarazzina proprio come la sua antenata.

Chiaramente, sotto pelle sfrutta la tecnologia del futuro, ovvero il motore elettrico, che, in questo caso eroga 68 CV, ed è alimentato da una batteria ai polimeri di litio da 30 kWh ricaricabile in 8 ore con una presa da 16A, mentre, utilizzando un connettore convenzionale da 10A, il tempo di ricarica si allunga a 13 ore.

Per quanto riguarda le prestazioni, la velocità massima dichiarata dalla Casa è di 110 km/h, mentre è interessante l’autonomia che arriva a 200 km nel ciclo urbano, e a 100 km in quello extraurbano, dove, inevitabilmente, si viaggia a velocità superiori.

Costruita a Rennes, la nuova E-Mehari sarà presentata domani, ma arriverà sulle strade in primavera, quando le giornate si allungheranno e sarà più semplice viaggiare con il vento tra i capelli grazie a delle temperature decisamente più miti.

Con questa vettura, la Citroen scommette ancora di più sull’elettrico dopo la C0 che, nonostante le poche agevolazioni governative, anche in Italia sta avendo un discreto successo.

Certo, in Francia, gli incentivi aiutano la diffusione di vetture ad impatto zero e questa E-Mehari, con la sua verve colorata e la sua simpatia, potrebbe conquistare diversi estimatori, oltre ai nostalgici del modello precedente.