Il Gran Premio d’Italia al Mugello ha fatto volare gli ascolti di Cielo, che ha trasmesso in diretta le gare del Motomondiale. Nonostante il record di pubblico sul circuito toscano (139.452 presenze nei tre giorni con il picco nella domenica in 90.477 spettatori), la gara di MotoGP, trasmessa in diretta sul canale free di Sky, ha incollato allo schermo 2 milioni e 669 mila telespettatori, pari al 15,94% di share. Durante l’ultimo giro, Cielo è stato il canale più visto in Italia raggiungendo la cifra record di 2 milioni e 947 mila telespettatori e una share del 18,2%. La gara del Mugello, in cui Valentino Rossi ha conquistato il terzo posto alle spalle di Jorge Lorenzo e Andrea Iannone rimanendo in testa alla classifica del Mondiale, è stato la prima trasmessa in diretta in chiaro da Cielo.

Per quanto riguarda Sky, la gara della MotoGP è stata vista nel complesso da 902.463 spettatori medi, con il 5,38% di share e 1.106.887 spettatori unici, migliorando il risultato di audience di 365 giorni fa al Mugello. Anche le altre classi hanno raccolto ottimi risultati: la Moto2 ha raccolto 151.454 spettatori medi ma la Moto3 ha fatto ancora meglio. La bellissima bagarre della classe d’ingresso, andata in onda alle 11, ha avuto un seguito di 159.547 spettatori medi complessivi con una crescita del 33% rispetto allo stesso GP dello scorso anno. Merito anche dei numerosi giovani italiani impegnati in Moto3 dove Romano Fenati ha colto il terzo gradino del podio seguito da Pecco Bagnaia ed Enea Bastianini.

Nell’intera giornata i canali Sky dedicati al Motomondiale hanno ottenuto 1.039.350 spettatori unici. In crescita il trend di ascolti nelle prime 6 gare della MotoGP che può vantare una media di quasi un milione di spettatori medi per ogni gara (979.957). La crescita complessiva rispetto agli stessi sei Gran Premi di un anno fa, è del 31%. Il prossimo appuntamento con il Motomondiale è fissato per il 14 giugno con il Gran Premio di Catalunya, in chiaro solo su Cielo.