Era stato il più veloce nelle sessioni di prova e ha confermato di essere il più veloce anche in gara. Così, con la determinazione che lo contraddistingue, Carlos Checa ha conquistato la tappa del Superbike di Silverstone, consolidando il primato nella classifica iridata.

Dopo due round, diciamo così, di “riposo”, Checa è tornato in pista più deciso che mai. Archiviati i giri poco veloci di Aragon e Brno, il pilota spagnolo ha pensato bene di rimettersi in carreggiata, visto che soltanto una vittoria a Silverstone, avrebbe potuto dargli sicurezza.

In effetti salire sul gradino più alto del podio in Gran Bretagna, ha significato per lui, raddoppiare il vantaggio nei confronti di Max Biaggi che nella prima gara è arrivato soltanto undicesimo e ha rimontato nella seconda gara, senza però andare oltre il quarto posto.

Altra storia è quella di Marco Melandri che ha collezionato due terzi posti e si è confermato terzo anche nella classifica mondiale, riducendo il divario con Biaggi, ma restando a 71 punti di scarto da Checa. Ormai da attribuire ci sono soltanto 200 punti.

Checa, in più, ha dato rilievo alla sua Ducati che ha potuto festeggiare con la vittoria del pilota, i 300 successi nel Mondiale Superbike. Checa, 38 anni, non ha davvero nulla da rimproverarsi.