In occasione del CES 2016, Volkswagen ha iniziato una partnership strategica con Mobileye, leader tecnologico nell’area dell’elaborazione automatica delle immagini. Le due società hanno sottoscritto una lettera d’intenti al Consumer Electronics Show di Las Vegas con un accordo firmato da Amnon Shashua, Direttore Tecnico e CEO della Mobileye, e da Herbert Diess, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Volkswagen.

Obiettivo dell’accordo, esclusivamente per l’Europa, sarà la gestione della digitalizzazione dell’industria automobilistica e lo sviluppo di tecnologie di monitoraggio dell’ambiente circostante. La joint venture è incentrata sulla tecnologia di gestione delle immagini in tempo reale basata su telecamera che, in abbinamento a mappe digitali ad alta precisione, costituisce la chiave della guida autonoma.

La Mobileye andrà a sviluppare sistemi di sensori ottici che saranno impiegati nelle telecamere anteriori delle future Volkswagen. Questi dispositivi sono in grado di riconoscere in tempo reale dettagli dell’area circostante la vettura che vengono utilizzati per un continuo aggiornamento delle relative mappe. Contando su di un ampio numero di veicoli equipaggiati con questa tecnologia, saranno generate informazioni molto precise e sempre aggiornate.

I chip di Mobileye sono attualmente utilizzati da Tesla per l’Autopilot e da Audi per zFAS, fulcro della tecnologia Piloted driving. Oltre all’accordo con Volkswagen, al CES 2016 Mobileye ha presentato anche Road Experience Management, una tecnologia di mappatura delle strade basata sul crowdsourcing che grazie alle piattaforme di calcolo EyeQ fornisce una dettagliata localizzazione del veicolo e informazioni sulle corsie. Le mappe precise sono alla base della guida autonoma e promuoveranno lo sviluppo avanzato di diversi sistemi di assistenza alla guida e di sicurezza.