La Toro Rosso ha annunciato l’ingaggio del 20enne Carlos Sainz Jr., figlio del due volte campione del mondo di rally Carlos Sainz, come pilota per la prossima stagione 2015 di F1. Si affiancherà dunque all’altro giovanissimo figlio d’arte, Max Verstappen, sostituendo Jean-Eric Vergne.

Carlos Sainz Jr. nonostante la giovane età può già vantare un palmares di tutto rispetto. Nel 2008 ha vinto il titolo karting Asia-Pacifico KF3, in seguito, nel 2010, ha debuttato in Formula BMW, poi è passato in Formula Renault 2.0, Formula 3 britannica fino alla GP3 nel 2013. Nel 2014 lo spagnolo è diventato il più giovane vincitore della World Series Renault e proprio in settimana ha disputato i test di F.1 ad Abu Dhabi per la Red Bull .

Quella di Toro Rosso è una politica molto chiara, un progetto chiamato “programma giovani”, condiviso con Red Bull, che ha condotto da una parte all’ingaggio di Max Verstappen, e dall’altra al licenziamento di un pilota reputato troppo “anziano” per la linea adottata dalla scuderia: il 24enne Jean-Eric Vergne. Queste le prime parole di Sainz Jr.: “Sono davvero felice di essere arrivato alla Toro Rosso: da quando sono entrato nel Programma giovani della Red Bull è sempre stato il mio obiettivo. Ringrazio la Red Bull per la fiducia che hanno avuto in me e ora non vedo l’ora di prendere il passo della F.1. Ho provato un giorno la Toro Rosso l’anno scorso e mi è piaciuta l’atmosfera nel team: ora lavorerò duro per essere pronto ai primi impegni“.

Il team manager della scuderia faentina Franz Tost lo ha accolto così: “Carlos raggiunge Max Verstappen continuando la tradizione della Toro Rosso di far fare ai giovani piloti della Red Bull Junior Team i loro primi passi in F.1: ho visto i progressi che ha fatto nelle categorie giovanili, e nei test fatti con noi a Silverstone nel 2013 mi ha davvero sorpreso per approccio e velocità“.