In Italia e in altre città d’Europa e del Nord America, il servizio sta sbancando. In Inghilterra, invece, stenta a decollare. Car2Go, il car-sharing di Daimler che ha come protagonista la Smart, sembra non essere molto gradito agli inglesi e la compagnia ha annunciato il ritiro dal Regno Unito. Il car-sharing era approdato nel dicembre 2012 a Londra e nel 2013 a Birmingham grazie alla collaborazione con Europcar.

“Abbiamo ascoltato attentamente il feedback dei clienti inglesi e tenuto conto della forte cultura e tradizione britannica di possedere un’auto privata - scrive il sito di Car2Go -. Per questo abbiamo deciso di ritirarci dal mercato del Regno Unito”. Car2Go ha rivelato che coordinare 32 autorità distinte in diversi distretti è stata un’operazione più difficile del previsto.

La soglia dei 10 mila clienti non è stata raggiunta e per rendere il business sostenibile (nel Regno Unito) sono necessarie dalle 5 alle 8 prenotazioni al giorno. Al contrario, a Roma e Milano i clienti di Car2go hanno già sfondato quota 100.000 e in Germania, dove il servizio è offerto in sette città incluse Berlino e Amburgo, sono intorno a 70.000. Nel mondo, dove Car2Go è presente in 25 città, i clienti registrati sono oltre 750.000 mentre il servizio è interoperabile in Italia e in tutta Europa. Qualche giorno fa, il presidente della Daimler, Dieter Zetsche, ha parlato di obiettivi in occasione di una premiazione: “Nei nostri programmi, entro la fine del decennio saremo in grado di generare ricavi per 800 milioni e una redditività intorno al 10 per cento. E’ veramente una tendenza e una opportunità reale di business”.

LEGGI ANCHE

Car2Go: che cos’è e come funziona

Car2Go: come funziona e consigli utili

Car2Go app: ecco come scaricare l’applicazione

Car2Go in Europa: attivato il noleggio in 13 paesi

Car2go Milano: successo oltre le aspettative per il car sharing