Al Car Symposium 2016 Mary Barra effettuerà uno dei discorsi inaugurali. Durante il convegno internazionale in programma a Bochum il 10 febbraio, la CEO di General Motors parlerà del futuro della mobilità personale, che è già in pieno svolgimento: “Nei prossimi 5 anni il settore automotive cambierà più di quanto abbia fatto nei 50 anni precedenti” ha anticipato Barra.

Durante il suo discorso al RuhrCongress di Bochum giovedì 11 febbraio, Mary Barra descriverà in dettaglio le azioni intraprese da GM e Opel per affrontare questi cambiamenti e cogliere le relative opportunità: “General Motors e Opel sono attrezzati alla perfezione per porsi alla guida di questo cambiamento, che riguarderà tutti gli aspetti della mobilità, dai veicoli elettrici alla connettività al car-sharing per finire con la guida autonoma”.

Il convegno internazionale Car Symposium, organizzato dal Professor Ferdinand Dudenhöffer, noto esperto del settore, è una delle principali manifestazioni rivolte ai rappresentanti del settore automotive in Germania e in Europa, e vede la presenza di oltre 1.000 persone, tra cui i principali protagonisti del settore.

In attesa del Car Symposium 2016, General Motors ha fatto segnare un nuovo record di profitti nel 2015 grazie al Nordamerica mentre in Europa ha ridotto le perdite. Il maggior gruppo automobilistico americano ha chiuso il 2015 con un fatturato di 152,4 miliardi di dollari (-2% sul 2014) con un utile operativo salito a 10,8 miliardi contro i 6,5 dell’anno precedente, un balzo del 67%, il massimo da quando l’azienda è rinata in seguito alla bancarotta del 2009.

Una crescita trainata dal boom del mercato nordamericano mentre le perdite operative in Europa sono scese a 800 milioni di dollari dagli 1,4 miliardi del 2014: GM resta l’unico grande gruppo in perdita nel Vecchio continente e la quota complessiva è scesa per la chiusura in Russia e di Chevrolet.