Il car sharing privato inizia a prendere forma. Dopo car2go, Mercedes-Benz lancia il servizio Croove a Moncao di Baviera dove anche i privati in possesso di una vettura possono decidere di condividere la propria auto. Da costruttore premium, la casa di Stoccarda conferma la vocazione di trasformarsi in fornitore di servizi di mobilità ampliando la propria gamma di offerte.

Con la creazione della nuova piattaforma di car sharing, Mercedes dà un ulteriore impulso al megatrend della sharing economy offrendo vantaggi ad entrambe le parti. Da un lato, i noleggianti possono trovare velocemente ed in tutta semplicità una vettura in buone condizioni e sicura che soddisfi al meglio le loro esigenze di mobilità, senza dipendere da una stazione di noleggio fissa. Rispetto al noleggio classico, hanno un vantaggio in termini di costi, con la garanzia di poter effettivamente disporre del modello desiderato, e non di uno di una determinata categoria.

Dall’altro, i proprietari possono invece ottimizzare l’utilizzo della loro auto, con un conseguente guadagno: “In media, un’automobile è ferma per 23 ore al giorno. Perché non guadagnare qualcosa durante questo periodo di tempo? Il car sharing sarà un elemento chiave per il traffico urbano di domani” sottolinea Dieter Zetsche, Presidente del Board of Management di Daimler AG e Responsabile di Mercedes-Benz Cars.

La novità è che nonostante l’offerta sia del Gruppo Daimler, Croove non è legato ad un marchio specifico. Basta solo che le vetture siano in buone condizioni e non superino i 15 anni di età. I proprietari creano on line un profilo con i dati della vettura (compresi eventuali equipaggiamenti speciali) ed inseriscono il prezzo di offerta. I noleggianti (età minima 21 anni e in possesso di una patente valida) devono solo registrarsi, contattare potenziali proprietari e concordare l’appuntamento. Una volta avviato il servizio Croove sarà possibile andare a prendere l’auto di persona oppure fare ricorso ad un servizio di ritiro e consegna (a pagamento).

È allo studio anche la possibilità di introdurre una soluzione keyless grazie alla quale il noleggiante potrà ritirare la vettura con l’ausilio di un PIN. Proprietari e noleggianti verificano e documentano lo stato dell’auto nel corso di un controllo eseguito insieme al ritiro ed alla consegna aiutati da una check-list. Il pagamento, tutto digitale, avviene tramite la app e dopo il noleggio è chiaramente possibile una valutazione di entrambe le parti per garantire trasparenza e sicurezza. Croove funziona tramite smartphone: l’app potrà essere scaricata da iTunes Store a partire da dicembre 2016, successivamente sar disponibile anche la versione Android su Google Play Store e il sito web in versione desktop per la prenotazione di una vettura.