Come il Knockout, un’altra inutile e illogica moda arriva da oltreoceano. Questa volta a temere non sono dei passanti qualunque, ma i proprietari delle indifese Smart ForTwo.

Questo puro atto di vandalismo avrebbe preso il nome di “car flipping” e consiste, come dice il nome stesso, nel “ribaltamento” delle city car, sul lato, sulla parta posteriore, sottosopra, causando in ogni caso delle ammaccature inevitabili.

Nonostante se ne stia parlando solamente nelle ultime settimane, questo fenomeno è diffuso dal 2005 e vede la sua origine in Canada, ed è stato ripreso poi, sebbene in chiave leggermente diversa, anche ad Amsterdam, in cui le citycar venivano lanciate direttamente nei canali.

Iniziamo già a chiederci, quindi, se e quando questa moda insulsa e preoccupante arriverà anche in Italia, ma pare che per il momento stia preoccupando solo gli Stati Uniti, in particolare San Francisco. Secondo alcuni del posto questo fenomeno non sarebbe altro che una edizione in chiave moderno-urbana del Cow Flipping, ovvero il ribaltamento delle mucche, pratica tradizionale nelle zone di campagna.

Nella città i giovani teppisti, sembra come forma di protesta contro i tecnici della Silicon Valley,  hanno ritrovato questo futile passatempo e le Smart ne sono il bersaglio perfetto grazie alle loro dimensioni e peso, poiché risultano tra le city car più leggere in assoluto. Gia quattro modelli sono stati trovati ribaltati nel quartiere di Bernal Hights, dove alcune erano poste su un lato mentre altre erano addirittura sottosopra.

La polizia del luogo sta indagando grazie a delle dichiarazioni di un testimone oculare che pare avesse visto delle persone incappucciate compiere il gesto.

Ecco un video che risale addirittura al 2011, in cui si può notare come una folla di curiosi sia adunata attorno alla city car, incitando poi i vandali che sono andati a ribaltarla.

Questo, invece, è quanto successo a San Francisco: