Mancano ancora quattro gare ancora da disputare nel campionato del mondo di rally, ma la matematica ha già assegnato il Titolo Piloti del WRC 2014 alla Volkswagen Polo R WRC. Non si conosce ancora il nome ma di sicuro il nuovo Campione del Mondo stringerà tra le mani il volante della vettura di Inglostadt. In un weekend segnato dal primo storico successo di Hyundai nel WRC con Thierry Neuville, la squadra tedesca si è tolta poche soddisfazioni. Il primo a farne le spese è stato il Campione del Mondo in carica, Sebastian Ogier, che nel corso del primo giorno di gara, è uscito di strada finendo in fondo alla classifica. Il giorno successivo, in un’altra uscita dal percorso, la vettura ha riportato danni tali da costringere il francese al ritiro.

Latvala ha così preso il comando della gara e, speciale dopo speciale, ha costruito un margine sufficiente per conquistare la vittoria abbastanza agevolmente. Ma le condizioni dell’asfalto, particolarmente scivoloso, hanno tradito il finlandese nel corso della 15esima speciale, quando alla bandiera a scacchi mancavano circa 70 chilometri: in una curva a sinistra è volato fuori strada senza possibilità di riprendere la corsa, dovendo ritirarsi.

Nonostante questa vittoria sfuggita, la Volkswagen potrebbe comunque vincere il Titolo Costruttori già al termine della prossima gara, il Rally di Australia in programma dall’11 al 14 settembre. Il vantaggio sulla Citroen è di 167 punti e, a rally concluso, ne basterebbero 129 per avere la certezza matematica. Il campionato piloti sarà una sfida tutta interna con l’iridato in carica Ogier, favorito e in vantaggio su Laatvala e Mikkelsen, gli unici ancora in corsa per la vittoria finale.

LEGGI ANCHE

Volkswagen Polo R WRC: alla scoperta dell’auto campione del mondo

Rally Germania 2014: favola Neuville, primo successo per la Hyundai i20

Rally Germania: Neuville spaventa, capotta sei volte