Complici la caduta di Lorenzo durante le prove e la forma fisica non perfetta di Pedrosa. Questi, secondo i più maliziosi, i motivi della vittoria di Stoner a Laguna Seca. Ma l’australiano non è stato soltanto fortunato.

Delude ancora senza fare scalpore, Valentino Rossi.

Tutto si sarebbe giocato ai dadi tra Lorenzo, Stoner e Pedrosa, quest’ultimo considerato il vero terzo incomodo nella lotta al titolo iridato.

Eppure Dani non ha ancora recuperato la forma fisica e a dispetto della fiducia che ripongono in lui i bookmaker, le sue performance non sono al cento per cento.

Forse è proprio la ripresa non ancora completata che gli ha fatto perdere metri dopo metri fino a garantire un facile sorpasso a Stoner a 16 giri dalla fine.

Lorenzo che aveva conquistato la pole, è partito forte portando con sé la grinta di Pedrosa, Stoner e Dovizioso. Leggermente attardati Rossi e Simoncelli, protagonisti di una gara opaca.

Rossi non brilla e chiude in sesta posizione. Simoncelli colleziona l’ennesima caduta.

Sempre un incidente è alla radice del secondo posto di Lorenzo che resiste a tutto ma non al sorpasso esterno e spettacolare di Stoner, in finale di gara.

Quarto e quinto posto, per la gloria, spettano a Spies e Dovizioso.