La vittoria in un gran premio è dovuta a tanti fattori. Sicuramente una buona parte la fa la fortuna di essere in giornata ma l’abilità del pilota nel gestire gomme e carichi, per esempio distribuendo in modo ottimale i rifornimenti di carburante, è essenziale. 

Button non solo si è aggiudicato il primo gran premio della stagione ma è stato autore di una grande prestazione in pista. Dopo un avvio entusiasmante, ha saputo resistere agli attacchi di tutti, compreso l’ultimo arrembaggio di Vettel che dopo la safety car ha guadagnato la seconda posizione.

Eppure Button ha rischiato grosso a quanto dicono i tecnici della McLaren. Per lui essere sempre alla guida della corsa è stato stressante, anche perché ha dovuto modificare i piani sui rifornimenti di benzina. Martin Whitmarsh ha spiegato l’accaduto: la McLaren di Button era a livelli marginali sul consumo carburante.

Fortunatamente con la vettura non hanno avuto problemi, ma dall’ottavo giro in poi, Button ha dovuto correre a risparmio di carburante. Se non fosse stato individuato subito il problema, forse la McLaren avrebbe dovuto rinunciare a vedere i suoi due piloti sul podio.

Whitmarsh difende anche Hamilton: Lewis sarebbe stato penalizzato dalla vettura di sicurezza. A parte ciò il bilancio australiano è estremamente positivo.