Il bollo auto è una tassa “fissa” sulla proprietà di una vettura che varia in base al tipo di automobile che si ha in garage. In questi giorni per molti automobilisti è “in scadenza”, ecco perchè è meglio pagarlo per tempo.L’ultima volta che abbiamo parlato del bollo auto in generale era in merito alle dichiarazioni del presidente dell’Aci, Enrico Gelpi, intenzionato a presentare all’attenzione del Governo una serie di modifiche per questa “tassa” automobilistica.

In sostanza la modifica sarebbe orientata a non avere un importo fisso da pagare ogni anno, ma di calcolare il “dovuto” basandosi anche sui chilometri percorsi e sull’emissione di CO2, quindi trasformare il bollo auto in una tassa di circolazione.

Poi abbiamo parlato del cosiddetto superbollo introdotto dal nuovo Governo per tassare le auto di lusso. Raramente ci siamo soffermati sulla natura di questo documento e sui vantaggi del pagarlo per tempo.

Il bollo scade e l’automobilista non se ne accorge. Se riesce a riparare a questa mancanza entro un anno dal termine di pagamento può usufruire del ravvedimento operoso che comprende una maggiorazione sul prezzo dovuto e una piccola sanzione che varia dal 2,5 al 3 per cento.

Chi paga in ritardo ma fornisce una documentazione incompleta, oppure paga dopo i 12 mesi utili per il ravvedimento operoso, deve pagare una multa pari al 30 per cento dell’importo del bollo più gli interessi.