Se qualcuno avesse avuto finora nostalgia di una nuova spider marchiata BMW, può cominciare ad esultare perché è stata svelata online, prima di partecipare al concorso d’eleganza di Pebble Beach del 23 agosto, la nuova BMW Z4. A prima vista vengono mantenute le forme di classica roadster, con il muso ben pronunciato e la coda appena accennata, mentre sono molte le differenze tra la vettura di serie e il concept che fu presentato in precedenza. Intanto il Doppio Rene, simbolo delle vetture di Monaco di Baviera, si fa più ampio rispetto al prototipo, così come i gruppi ottici anteriori che sono adesso meno sottili mentre quelli posteriori sono più grandi. Il tetto in metallo, che tanto era piaciuto alla critica e agli appassionati, lascia spazio in favore del ritorno di quello in tela, elemento molto più legato alla tradizione.

Le fiancate di questa vettura sono caratterizzate dalla presa d’aria all’altezza del passaruota anteriore, mentre in coda lo spoiler fa capolino tra i gruppi ottici. Le aspettative sono molto alte rispetto a questa nuova vettura, sia perché il suo aspetto filante e dinamico fa presupporre che sia nata per correre e fendere l’aria, sia perché rispetto alla precedente generazione vi è l’auspicio che sia stata fatta una sostanziosa riduzione del peso, elemento che aveva reso la Z4 non un perfetto gioiello per agilità e piacere di guida.

Per garantire delle prestazione all’altezza del suo look sportivo, sono stati scelti dei propulsori 2 litri e 3 litri, rispettivamente a 4 e a 6 cilindri, con potenze che arriveranno fino a 365 CV. Viene confermata la trazione posteriore, mentre il pianale scelto è quello condiviso con una sportiva di razza come la nuova Toyota Supra. Scelta che fa storcere il naso ai puristi del Marchio tedesco, ma che assicura con assoluta certezza le doti di sportiva a 360 gradi.