La BMW punta molto sulla Serie 3, un modello apprezzato dai clienti della Casa bavarese, che da sempre rappresenta un riferimento nella sua categoria, quella delle berline compatte di stampo premium. Così, per rispondere colpo su colpo alla Mercedes Classe C, e in attesa che arrivi sul mercato la nuova Audi A4, il Brand dell’Elica ha rivisitato la sua quattro porte di successo.

Riconoscibile da alcuni dettagli, la variante restyling della berlina in questione, presenta un frontale con prese d’aria rivisitate, nuove grembiolature che enfatizzano la larghezza dell’auto, ed i gruppi ottici posteriori a LED. Altri particolari sono rappresentati dal sensore del cruise control adattivo nascosto nella presa d’aria centrale e dalle cromature che vanno ad arricchire l’abitacolo interessando le bocchette d’areazione e la console centrale.

Sotto il cofano troviamo propulsori con vari frazionamenti: dal 3 cilindri fino al 6 cilindri, mentre i 4 cilindri a gasolio, forti di turbocompressori rivisti, garantiscono una migliore risposta all’acceleratore. Tra gli ultimi arrivi nella gamma delle motorizzazioni bisogna annoverare il 3 cilindri a benzina ed il nuovo 4 cilindri, sempre a benzina, che va ad equipaggiare la 320i. In totale la BMW Serie 3 vanta quattro propulsori a benzina e 7 motori diesel, con potenze comprese tra i 115 CV ed i 326 CV.

Dal punto di vista delle tecnologie applicate all’auto, è doveroso sottolineare la possibilità di utilizzare gli standard della telefonia mobile veloce, denominati LTE. Inoltre, il parcheggio non sarà più un problema per via del Park Assistant, che consente alla vettura di effettuare l’operazione in maniera autonoma anche nelle aree a spina di pesce.

Insomma, un classico che si rinnova e si tiene al passo con i tempi, un’auto che rinfresca l’immagine, ancora molto attuale, e presenta diversi affinamenti per essere sempre sulla cresta dell’onda. Una formula di sicuro successo, che riprende dal calcio un concetto chiaro ma fondato su una grande verità: squadra che vince non si cambia. Caso mai, si evolve, perché nel mondo dell’auto le cose variano molto in fretta.