BMW è pronta a lanciare la nuova generazione di motori modulari. Il costruttore tedesco ha sviluppato un’architettura comune e l’utilizzo di componenti uguali per i nuovi motori tre e quattro cilindri con tecnologia Efficient Dynamics. L’obiettivo del marchio di Monaco di Baviera è quello di creare una modularità ancora più importante di quella attuale, riducendo così i costi, aumentare le prestazioni, diminuire i consumi e assicurarsi una gamma di motorizzazioni più vasta per ogni singolo modello.

Nello specifico i nuovi motori BMW modulari saranno caratterizzati da un basamento in alluminio con posizione uniforme dei lati di aspirazione e di scarico e cilindri di circa 500 centimetri cubici. Non mancherà la tecnologia TwinPower Turbo e nelle unità a benzina l’iniezione diretta da passerà da 200 a 350 bar. Tra le novità montate sui motori diesel l’iniezione diretta common-rail sarà ottimizzata e i sistemi di sovralimentazione saranno a geometria variabile. I sistemi d’iniezione dei motori a tre cilindri raggiungeranno in futuro un valore massimo di 2.200 bar. Nella variante più potente dei diesel a quattro cilindri il valore di punta salirà rispettivamente a 2.500 e 2.700 bar. Sul fronte dei dispositivi antinquinamento arriverà anche un sistema SCR attivabile abbinato alla tecnologia con urea AdBlue.