La Bmw M8 ha fatto capolino in pubblico, seppur sotto forma di prototipo. L’occasione è stata delle migliori, con il palcoscenico della prestigiosa 24 Ore del Nurburgring a fare da sfondo all’esordio del modello che anticipa la M8 di serie.

L’arrivo sul mercato della nuova Bmw M8 non avverrà prima del 2018, ma il muletto che ha corso in pista ne mostra in anteprima alcuni tratti caratteristici molto significativi. Nonostante il camuffamento dato dalla livrea, l’aspetto è apparso aggressivo grazie alle ampie prese d’aria, agli scarichi posteriori a quattro elementi e alle carreggiate piuttosto “abbondanti”.

La vettura vista al Nurburgring poteva contare ovviamente sull’impianto frenante sportivo e su un’impostazione aerodinamica pensata appositamente per l’impiego in pista, ma il costruttore ha fatto capire che la maneggevolezza tra i cordoli sarà una caratteristica destinata a ritrovarsi anche sulla versione di serie.

Il presidente della divisione M di Bmw, Frank van Meel, ha spiegato che lo sviluppo della M8 prosegue in parallelo con quello della più tranquilla Bmw Serie 8, a conferma che le due vetture hanno buona parte del DNA in comune. Della stessa famiglia farà inoltre parte la Bmw M8 GTE, ovvero la variante da competizione, attualmente in fase di sviluppo, che segnerà nel 2018 il ritorno di Bmw nelle gare di durata.

Ciò si traduce nell’atteso rientro di Bmw a Le Mans, anche se l’esordio della GTE è fissato per alcuni mesi prima dell’appuntamento francese, precisamente a gennaio del prossimo anno in occasione della 24 Ore di Daytona.