Le serie speciali delle leggendarie BMW M nacquero nel lontano 1988  con la M3 Evolution E30, una tradizione che è stata celebrata con altri modelli iconici e che adesso viene rinnovata dalla nuova, cattivissima, BMW M4 CS.

Con quest’auto la divisione sportiva BMW M GmbH introduce anche una nuova sigla indicativa dei modelli più preziosi e performanti dei già spettacolari prodotti M.

Per quanto riguarda la M4 CS, sotto il cofano troviamo il propulsore sovralimentato da 3 litri in grado di erogare 460 CV, una potenza tale da spingerla fino a 280 km/h con un’accelerazione da 0 a 100 km/h coperta in 3,9 secondi. Merito dei 2 turbocompressori che aiutano anche ad avere la coppia a bassi regimi, una qualità che consente di limitare i consumi a soli 8,4 l/100 km, che corrispondono a 197 g/km di Co2 emessa.

Tra le chicche di questa vettura troviamo il cambio a doppia frizione a 7 rapporti con Drivelogic (con radiatore dell’olio separato), l’assetto adattivo M, gli snodi delle sospensioni in alluminio fucinato, il differenziale attivo M ed il DSC con tanto di M dynamic mode. Elementi che le hanno consentito di girare sul vecchio Nurburgring in soli 7 minuti e 38 secondi: roba da supercar!

Chiaramente, per avere il massimo delle performance bisogna contare anche sul massimo del grip, che in questo caso viene garantito dagli pneumatici semi-slick Michelin Pilot Sport Cup 2 nelle misure 265/35 r19 all’anteriore e 285/30 r20 al posteriore.

Caratteristici della BMW M4 CS sono il nuovo splitter anteriore, l’estrattore posteriore in stile M4 GTS e l’accenno di spoiler posteriore, oltre ai fari di coda dotati di giochi di luce tridimensionali garantiti dalla tecnologia OLED.

Insomma, una vettura dotata di un fascino incredibile, capace di sfidare le migliori supercar anche sui tracciati più impegnativi, un’auto che ha una dotazione tecnica di prim’ordine e che, in Germania, ha un costo di 116.900 euro. Un prezzo molto vicino a quello delle varianti d’accesso di una delle vetture sportive di riferimento: la Porsche 911!