La BMW vanta una gamma davvero completa, che va dalle auto per la famiglia alle supersportive, contraddistinte dalla lettera M, modelli imperdibili per gli appassionati, che hanno raggiunto una fama ed una notorietà da riferimento per via delle loro prestazioni e della loro straordinaria guidabilità.

Tra questi, spicca di sicuro la Serie 1M Coupé, che è stata accolta come una vera star per via della sua anima sovralimentata e della trazione posteriore con tanto di differenziale posteriore meccanico. Insomma, una bomba compatta, un’arma affilata con cui aggredire tornanti e curve in rapida successione in pista.

Adesso, tutti attendono la sua erede designata, la M2 appunto, che, secondo i rumors della rete potrebbe debuttare ad ottobre, anche se è molto probabile che possa fare la sua apparizione in pubblico a novembre o addirittura a gennaio, in concomitanza con il salone di Los Angeles o con quello di Detroit.

Per il momento, le notizie diffuse in rete parlano di una scelta cromatica che può essere effettuata su quattro tinte: Long Beach Blue, Alpine White, Mineral Grey e Black Sapphire. Mentre per quanto riguarda la meccanica, si mormora che sotto il cofano ci sarà un 6 cilindri biturbo da 3 litri, capace di erogare ben 370 CV e 465 Nm di coppia massima.

Un potenziale che dovrebbe assicurargli prestazioni da riferimento, come un’accelerazione da 0 a 100 km/h non inferiore ai 4,5 secondi ed una velocità massima, autolimitata elettronicamente, di 250 km/h. Ma sarà soprattutto la guidabilità il suo piatto forte, con la trazione posteriore ed un assetto giusto per pennellare le curve e agevolare i guidatori più smaliziati nella sbandata controllata, in pista.

Chiaramente, con tutte queste premesse, il prezzo della BMW M2 non sarà certo quello di un’auto a buon mercato, visto che si parla di una cifra di circa 54.000 euro, ma si tratta di un prezzo tutto sommato non esagerato per una sportiva con prestazioni degne di una supercar.