Blablacar, la community del ride sharing più grande del mondo annuncia, è approdata anche in Turchia, tredicesimo paese in cui il ride sharing su lunga distanza leader al mondo è attivo (dopo Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Spagna, Regno Unito, Russia e Ucraina). Il servizio ha apportato un cambiamento sostanziale nel modo di viaggiare di milioni di persone in tutta Europa e la Turchia, Paese è all’avanguardia in termini di connettività con 34 milioni di utenti attivi su Facebook, ha un territorio caratterizzato dalla presenza di grandi centri urbani separati da lunghe distanze.

L’apertura dell’ottavo ufficio di BlaBlaCar a Istanbul coincide con il traguardo dei 10 milioni di iscritti, destinati a salire rapidamente grazie al mercato turco, e conferma l’obiettivo dell’azienda: diventare un’app sempre più di portata globale: “La Turchia possiede un enorme potenziale per quanto riguarda i viaggi condivisi sulle lunghe distanze – ha detto Nicolas Brusson, co-fondatore e COO di BlaBlaCar -. Il prezzo del carburante, infatti, è tra i più elevati a livello mondiale, i pullman sono lenti e gli aerei spesso molto cari. È anche per questi motivi che pensiamo che si tratti di un mercato interessante per la nostra idea di trasporto efficiente e low-cost”.

Il lancio della Turchia si colloca sulla scia dell’annuncio da parte di BlaBlaCar del finanziamento di 100 milioni di dollari ricevuto lo scorso luglio per incentivare la crescita internazionale: “Il nostro obiettivo è quello di introdurre in ogni paese che lo necessiti una modalità di trasporto affidabile, adatto a coprire lunghe distanze – ha spiegato Frédéric Mazzella, co-fondatore e CEO dell’azienda -. Condividere l’auto, oltre a permettere di risparmiare, è un’abitudine positiva anche dal punto di vista sociale dal momento che comporta una riduzione del traffico e della dipendenza dalla proprietà del mezzo”.

Nuovi mercati seguiranno quello turco e la startup è costantemente alla ricerca di nuovi talenti da inserire.

LEGGI ANCHE:

BlaBlaCar come funziona: la guida al leader europeo del ride sharing

Ride sharing in Italia: Blablacar e UberPop, due filosofie a confronto