Dopo il ritorno al successo di MV Agusta a Philipp Island (QUI L’IMPRESA), un’altra storica casa italiana festeggia ad Aragon, ancor prima di sapere come terminerà la sua corsa. La Bimota dopo 14 anni torna nel Mondiale SBK con l’inedita BB3: due nomi legati nella storia con l’ultimo mondiale TTF1, la prima gara del neonato campionato del mondo. L’incredibile successo del 2000 con Antony ‘The Go Show’ Gobert (al debutto) è ancora vivo nella memoria degli appassionati. Ora a difendere i colori italiani ci sono “Speedy” Ayrton Badovini e il britannico Christian Iddon. Nessun incarico, come ipotizzato, a Max Biaggi.

Il momento è doppiamente storico perchè per la prima volta in 27 anni in SBK corre un modello non ufficialmente non omologato grazie a una nuova regola studiata per agevolare l’ingresso a nuove marche. Lo scorso martedì, i rappresentanti di FIM e Dorna hanno fatto visita all’impianto di produzione di Bimota, nelle vicinanze di Rimini. Avrebbero dovute trovare già prodotte 125 moto come da regolamento ma in realtà solo qualche decina di esemplari erano stati assemblati. Una recente modifica regolamentare concede a Bimota (nonchè tutte le altre case in futuro) altri quattro mesi per arrivare alla qota di prodzione richiesta ma non prenderà punti durante questo scorcio di Mondiale. Da metà agosto, se soddisferà i requisiti, potrà acquisire punti iridati nelle gare rimanenti altrimenti sarà esclusa.

La BB3 è stata presentata all’EICMA 2013 (qui lo speciale di Leonardo.it): dopo 5 mesi è già nel Mondiale tra poche settimane sarà nelle concessionarie. La moto italiana, dopo l’accordo di fine ottobre col team Alstare e l’iscrizione alla classe Evo, monta propulsore ed elettronica della BMW S 1000 RR presente nel campionato dal 2009. I primi riscontri lasciano ben sperare: nella Superpole (QUI IL REPORT), con un solo test alle spalle, la BB3 ha superato i 300 Km/h di velocità in rettilineo e Badovini è quinto tra le EVO, a circa 1″5 dalla Ducati di Niccolò Canepa. E ora le case in pista nel Mondiale sono nove.

LEGGI ANCHE

SBK classifica 2014: Guintoli e Aprilia in testa

SBK Phillip Island 2014: Suzuki nella storia

SBK 2014 team e piloti: boom di presenze per un Mondiale imperdibile

SBK Jerez 2013: Tom Sykes campione del mondo