Bernie Ecclestone dice addio alla Formula 1. L’ufficialità della notizia è arrivata direttamente da Liberty Media, la società che ha acquisito il Circus per una cifra vicina agli 8 miliardi di dollari. Ecclestone è stato rimosso dal suo incarico di CEO della Formula 1 e gli è stato conferito l’incarico di presidente emerito.

Dopo 40 anni dove ha rivoluzionato il mondo della Formula 1, creando un business miliardario e portando le monoposto sui tracciati di tutto il mondo, per Bernie Ecclestone questo cambio d’incarico si traduce nella sua uscita dal Circus. Secondo fonti ben informate il manager inglese non accetterà il nuovo incarico, perché senza poteri decisionali ed eccessivamente marginale. Nonostante i tre anni di collaborazione ipotizzati da Ecclestone al momento dell’accordo con Liberty Media, l’azienda americana ha voluto dare un segnale forte su come il circus cambierà radicalmente nei prossimi anni. Con l’uscita di Ecclestone il Circus dirà addio ad una gestione “padronale” e si darà spazio a nuove divisioni e scelte che potrebbero cambiare radicalmente il campionato automobilistico più seguito al mondo.

Al posto di Bernie Ecclestone è stato nominato Chase Carey, ex dirigente della 21st Century Fox e attulamente presidente del consiglio di amministrazione della Formula 1. Tra le novità in attesa di conferma anche l’arrivo di Ross Brawn come responsabile dei rapporti tecnici e sportivi con i team.