Brand votato all’eccellenza e all’opulenza, ma che non rinuncia alle prestazioni, Bentley ha deciso di rivolgere le sue attenzioni all’aggiornamento della gamma Continental GT Speed, per rendere ancora più esclusiva la sua coupé e la sua cabrio di riferimento.

Quest’operazione avviene in seguito alla presentazione della Black Speed, una serie limitata, realizzata in appena 10 esemplari, svelata durante il primo gran premio di Formula 1 del 2016, quello di Melbourne, e costruita solamente per l’Australia e la Nuova Zelanda.

Così, nasce la Continental GT Speed Black Edition, proposta sia nella versione chiusa che in quella aperta, che si avvale di elementi in nero lucido che vanno a rendere più particolari certi punti della vettura come le cornici dei vetri laterali, lo splitter anteriore, i retrovisori esterni, e le modanature.

Completano il quadro i cerchi da 21 pollici con disegno a 5 razze, e le appendici aerodinamiche disponibili in quattro colori differenti: Hallmark, Beluga, St James’Red e Cyber Yellow. Non manca una cura particolare anche per l’abitacolo, che vanta sedili GT Design con fantasia trapuntata a diamante by Mulliner, elementi in fibra di carbonio, e cuciture a contrasto che si abbinano con le scelte cromatiche esterne.

Sotto il cofano trova spazio il V12 da 6 litri biturbo che adesso, grazie ad un’elettronica aggiornata, eroga la bellezza di 642 CV ed una coppia mostruosa di 840 Nm, a partire da appena 2.000 giri. Si tratta di valori che spingono la sportiva di Crewe fino ad una velocità massima di 330 km/h, consentendole di scattare da 0 a 100 km/h in appena 3,9 secondi.

Numeri importanti, come l’accelerazione inferiore di 5 decimi rispetto al modello precedente, che la dicono lunga sulle potenzialità di questa vettura che offre spazio anche a 4 persone nel massimo del comfort e nel lusso più esclusivo.

Dunque, la Bentley ritocca la sua sportiva, rendendola ancora più desiderabile.