Quest’anno non ne va dritta una a Ben Spies. Per il pilota del team Pramac Racing il 2013 doveva essere l’anno della riscorsa invece il texano si è operato venerdì 22 agosto alle spalle dopo l’ennesimo incidente a Indianapolis. Prima dell’intervento, Texas Tornado non ha resistito alla tentazione twitter attaccando Carlo Pernat.

“Off to surgery tomorrow! Bet Carlo is so excited he wont remember to wipe the powder off his nose!”. La traduzione è presto fatta: “domani mi opero. Scommetto che Carlo è così eccitato da dimenticarsi di togliersi la polvere dal naso”. Nel mirino c’è lo storico manager di piloti (da Capirossi a Simoncelli) e consulente di Iannone ed Alex De Angelis, che ha sostituito proprio Spies a Laguna Seca.

Parole molto pesanti all’indirizzo del veterano genovese del circus da parte di un pilota solitamente pacato come Spies (foto by InfoPhoto) che, in preda alla frustrazione, ha perso un po’ la testa. Prima il texano ha cercato di rimuovere il tweet poi si è scusato: “Ben e sua mamma (che inizialmente aveva provato a dare responsabilità all’anestesia, ndr) mi hanno chiamato – ha detto Pernat - e abbiamo parlato a lungo. Ho accettato volentieri le loro scuse, per me la questione è chiusa”. Una reazione composta a un gesto che tutto il paddock ha condannato.

Dalla lussazione alla spalla rimediata ad Austin (che gli ha fatto saltare sette gare) al nuovo capitombolo di Indianapolis seguito dalla doppia operazione alle spalle che lo terrà tre mesi lontano dalle piste. Ora l’entrata a gamba tesa su Pernat. Ducati difficilmente non prenderà provvedimenti in merito e l’avventura di Spies con il team satellite di Borgo Panigale è da ritenersi conclusa. Per l’ex fenomeno della SBK che prometteva grandi cose in MotoGP, è tempo di cercare una nuova sella. Sperando ritrovi lo smalto di qualche stagione fa e dimostri a tutti il proprio valore in pista. E non sui social network.

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook