La carriera di Ben Spies è finita a 29 anni. Il Campione del Mondo SBK 2009 ha annunciato nei giorni scorsi la sua separazione da Ducati e di voler appendere il casco al chiodo. Con il team di Borgo Panigale, Texas Terror aveva siglato un contratto biennale e quest’anno doveva gareggiare col team Pramac Racing. Doveva, perchè i postumi dell’infortunio alla spalla destra, subito nell’ottobre 2012 a Sepang, gli hanno complicato notevolmente il ritorno in pista. Al rientro a Indianapolis in agosto, Ben è caduto nelle prove chiudendo in anticipo la sua stagione.

Le operazioni a entrambe le spalle non hanno dato la certezza a Spies di riuscire a recuperare le sue capacità fisiche per poter tornare a correre: “Sono quindi estremamente deluso dal fatto di non essere riuscito a realizzare i miei obiettivi personali e quelli del team. Voglio ringraziare tutti: gli organizzatori, le Case, le squadre e tutti i miei fans per avermi aiutato e supportato durante tutta la mia carriera. Quando ho iniziato a correre non avrei mai immaginato di poter raggiungere il livello di successo che ho avuto negli ultimi venti anni di competizioni, ma è giunto il momento di fermarmi e lo faccio con grande tristezza.”

Paolo Ciabatti, Direttore del Progetto Ducati MotoGP, lo rimpiangerà: “Avevamo delle grandi aspettative in lui ed è davvero un peccato per il nostro sport che Ben abbia deciso di smettere di correre, perché secondo noi è uno dei piloti di maggior talento al mondo. Sicuramente ci mancherà molto”. A gettargli fango addosso ci pensa Mat Mladin, ex pilota australiano ed ex compagno di Spies in AMA SBK, che gli ha riservato un commento pesantissimo su Superbike Planet: “F*#king pussy”. E pensare che lo stesso Madlin aveva definito una volta Spies (foto by InfoPhoto) più forte di Valentino Rossi. Forse non ha ancora digerito i titoli statunitensi che El Bowz (il gomito, per il so stile di guida) gli ha soffiato per tre anni – dal 2006 al 2008 – impedendogli un filotto leggendario. 

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook

La frase ‘drogata’ che gli sarebbe costata la Ducati