Il repertorio di Mario Balotelli è vasto. In campo, fuori e anche nei motori. Nonostante la sua giovane età (SuperMario ha compiuto 23 anni il 12 agosto) nel suo garage sono già transitate diverse lussuose auto. Due Bentley, l’indimenticabile Continetal GT mimetica (simile alla 458 Italia di Lapo Elkann) che si accompagnava a una Supersports.

A queste le cronache gli attribuiscono una Range Rover Sport con targa personalizzata «loo5e», una Mercedes S (forse la meno divertente e guidata da un’autista) e un’Audi R8 Spyder 5.2, simbolo del suo rapporto con le auto di grossa cilindrata. Un rapporto costellato da incidenti e multe, dall’Italia all’Inghilterra. Memorabili, da questo punto di vista, i primi mesi di permanenza a Manchester dove con la celebre Maserati Granturismo bianca aveva collezionato nei primi mesi tre multe al giorno per un totale di 1.000 euro al mese, oltre a 27 rimozioni forzate.

Ma da quanto è approdato il Milan qualcosa sembra essere cambiato: con il recente acquisto della Maserati GranTurismo MC di colore nero opaco, la tradizione della Bentley mimetica è stata interrotta e l’attaccante rossonero pare essere virato su uno stile sempre sportivo ma più elegante. Dal suo approdo in rossonero Balotelli ha arricchito la sua collazione con la mostruosa Ferrari F12berlinetta, che si aggiunge alla 458 Italia Spider, altra otto cilindri del cavallino rampante. La rossa di Maranello, con cui è stato recentemente avvistato nel centro di Monza, è la più potente fra le sue auto mai avute, 570 cavalli e una velocità massima di 325 km/h.

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook