Il Gran Premio del Bahrain, proprio nel giorno che precede la gara, è stato macchiato dall’ennesima morte, quella di un manifestante ferito durante gli scontri che ancora persistono nel paese. Ad ogni modo, durante la giornata di sabato ha dominato per la prima volta la Red Bull di Vettel

L’ex campione del mondo, finalmente, ha avuto modo di tirare fuori gli artigli e dopo tre gran premi molto opachi rispetto a quello cui ci ha abituato, Vettel è tornato nella prima fila di partenza. Sul circuito di Sakhir, Sebastian ha sfruttato al massimo le potenzialità della sua macchina.

In prima fila, però c’è anche Hamilton che partirà al fianco di Vettel ed è veramente un avversario temibile che pochi vorrebbero avere alle calcagna. Nella seconda fila ci sono i loro compagni di squadra Webber e Button.

Un film già visto insomma con Red Bull e McLaren in competizione aperta. Anche Nico Rosberg con la sua Mercedes ce l’ha messa tutta ma sul punto più bello della gara ha iniziato a perdere colpi e per lui non è stato più possibile recuperare terreno.

In Q1, per la Mercedes, pesa anche l’eliminazione di Schumacher. La w03, è stato riferito in un secondo momento, aveva dei problemi tecnici che avrebbero impedito ai piloti di fare il famoso “giro veloce”.