In Bahrain ritrovano il sorriso Newey e Horner grazie ad un eccezionale Vettel. Il campione del mondo in carica, pur non avendo dominato il campionato come gli era riuscito l’anno scorso, è andato comunque a segno. Ha prima guadagnato la pole e poi non ha sbagliato nemmeno una curva fino a sfilare primo sul traguardo. 

A sorridere non c’è sicuramente soltanto Vettel, visto che l’altra parte del podio, secondo e terzo posto, è stata conquistata dalla squadra di Enstone, la Lotus che ha visto correre in modo aggressivo e impeccabile i suoi due piloti di punta: Raikkonen e Grosjean.

La gara che questi due piloti hanno condotto è stata definita molto concreta, vista la gestione clinica che hanno saputo fare delle gomme. Peccato che Vettel, una volta al comando, sia davvero difficile da superare. Raikkonen ci ha anche provato ma l’esito non è stato dei migliori.

Ai piedi del podio si è piazzata l’altra Red Bull, con Max Webber a sottolineare che la Red Bull è tornata nel Circus o comunque sta recuperando terreno.

Al quinto posto c’è Rosberg che ha incassato la delusione dopo una vittoria a Shanghai senza precedenti. Interessante il sesto posto di Di Resta della Force India. A seguire ci sono Alonso, Hamilton e Massa e a chiudere la classifica a punti anche Schumacher.