Alla fine hanno vinto le società autostradali (foto by infophoto). Il già confermato aumento del 1°gennaio 2013 (qui la tabella completa con gli aumenti), che vedeva ancora 4 tratte della rete di cui concessionaria l’Aiscat sotto osservazione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha avuto sua completezza con il decreto numero 145 del 9 aprile 2013 e quindi con l’autorizzazione all’aumento dei pedaggi per l’Autostrada Brescia – Verona – Vicenza – Padova S.p.A. (+4,44%) per l’Autostrada Tirrenica (+3,81) per la SATAP S.p.a. A4 (10,83%) e per la SATAP S.p.a. A21 (+9,92%). Sull’ATIVA – Autostrada Torino – Ivrea – Valle D’Aosta S.p.A. si è passati da +0,82% a + 7,03%.

Su Sicurauto.it cliccando qui potete trovare la nota completa con il motivo del rincaro del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e con le parole del viceministro Mario Caccia.