L’Audi ha scelto il Salone di New York per lanciare la nuova R8 Spyder, una variante che era nell’aria, visto che la versione coupé è ormai una piacevole realtà sul mercato. Quindi, con l’arrivo della bella stagione, la vettura dei Quattro Anelli si scopre per regalare ancora più emozioni ai suoi fortunati clienti.

La ricetta è quella vincente da sempre: 2 posti secchi, un grande motore dietro la schiena ed una capote capace di sparire in un batter d’occhio. Per la precisione, ci vogliono 20 secondi per mandarla nel suo scomparto, e l’operazione può essere effettuata anche in movimento, fino ad una velocità massima di 50 km/h.

L’esperienza di guida viene amplificata da un telaio che è migliorato del 50% dal punto di vista della rigidità torsionale, riuscendo, nel contempo, a contenere il peso in 1.612 kg. Per l’adrenalina ci pensa il V10 aspirato da 5,2 litri capace di erogare una potenza di ben 540 CV ed una coppia di 540 Nm.

Con la trazione integrale all’opera, ed il cambio a doppia frizione a 7 marce che snocciola rapidamente i rapporti, la R8 Spyder di nuova generazione tocca i 100 km/h in soli 3,6 secondi ed arriva fino a 318 km/h. Il tutto con consumi che si attestano nell’ordine degli 11,7 l/100 km ed emissioni di Co2 di 277 g/km.

Per gestire al meglio tanto potenziale celato sotto pelle, la R8 Spyder si affida a quattro modalità di guida selezionabili attraverso l’Audi Drive Select ed alle impostazioni che il pilota, pardon, il conducente, può attivare attraverso il manettino presente sul volante sportivo.

Chiaramente, come per la coupé, la strumentazione è digitale e sfrutta uno schermo da 12,3 pollici che consente anche d’interagire con l’infotainment di ultima generazione che contraddistingue gli ultimi modelli dei Quattro Anelli.

Insomma, l’Audi R8 Spyder è ancora più accattivante e si prepara a sedurre gli amanti della guida a cielo aperto.