L’Audi starebbe per lanciare una variante entry-level della R8 nel 2018 ed un nuovo rapporto indica che potrebbe essere alimentata da un motore V6 biturbo. Una notizia non ancora ufficiale che la dice lunga sulle intenzioni della Casa di Ingolstadt di fare concorrenza alla Porsche 911 in tutte le sue versioni.

Secondo Car & Driver il modello dovrebbe essere spinto, come rivelerebbero quelle che i colleghi definiscono fonti affidabili, da un 3 litri V6 biturbo derivato dal 3.0 TFSI V6 deputato a spingere l’Audi S4. L’unità in questione dovrebbe produrre, il condizionale è d’obbligo, una potenza di circa 450 cavalli.

Il motore dovrebbe lavorare in sinergia con una trasmissione a doppia frizione a sette rapporti e scaricherebbe la potenza su tutte e quattro le ruote attraverso il sistema di trazione integrale tipico delle R8. Per il momento non sono state confermate le prestazioni che l’auto potrebbe raggiungere ma si pensa che la sportiva in questione potrebbe avere una velocità massima di circa 305 km/h.

Dunque, sarebbero stati smentiti i precedenti rapporti che avevano lasciato intuire la possibilità di montare un 2.5 a 5 cilindri sovralimentato dietro i sedili della R8, anche perché questa soluzione avrebbe creato una sorta di competizione tra la sportiva di riferimento la R8, seppur nella variante entry-level, e quella compatta, la TT, nella sua versione più potente, la RS.

Il nuovo motore andrà ad affiancare gli attuali V10 da 5,2 litri declinati in due livelli di potenza: 540 CV e 610 CV. Ma non è tutto, secondo quanto scritto dai colleghi di Car & Driver, ci sarebbe in programma una versione ancora più cattiva del V10 in questione, anche se non sono state fornite specifiche al riguardo.

Comunque, l’Audi punta molto sulla R8 e mira a competere in maniera stabile con i mostri sacri dell’automobilismo sportivo, in particolare con la Porsche che sfida stabilmente nel WEC, il campionato mondiale endurance.