Dopo 4 anni di onorato servizio arriva l’ora del restyling per l’Audi Q5 con ritocchi estetici ridotti al minimo ai quali fanno da contraltare succose novità per quanto riguarda il comparto motori.
Partendo dall’esterno si notano le nuove (e immancabili) luci diurne LED che incastonano i fari xenon plus, la griglia single frame anteriore e paraurti lievemente ridisegnati. Luci LED anche nei gruppi ottici posteriori mentre i terminali di scarico hanno ora forma appiattita nella parte inferiore. Che non si notano (ma si sentono sulla bilancia) ci sono cofano motore e portellone in alluminio, mentre per altre parti è stato utilizzato acciaio ad altissima resistenza, grazie al quale gli ingegneri Audi sono riusciti a ridurre e aumentare la sicurezza in caso di urto.

Anche nell’abitacolo i ritocchi sono minimi e non stravolgono lo stile della generazione precedente: si notano le nuove finiture cromate, i particolari in nero lucido e i nuovi comandi per il sistema multimediale MMI plus. A richiesta sono poi disponibili interni in pelle, inserti in legno o alluminio, sedile passeggero anteriore con schienale ribaltabile, divano posteriore in grado di scorrere longitudinalmente di 10 centimetri.

Come scritto prima le principali novità sono state riservate al comparto motori composto da 2 benzina TFSI e 3 TDI più efficienti del 15% rispetto alla Q5 attuale. Lo scettro di motore più efficiente va al 2.0 TDI da 143 CV e 320 Nm di coppia, abbinato alla trazione anteriore (altra grande novità). I valori dichiarati dalla Casa parlano di 5,3 litri di gasolio per percorrere 100 km ed emissioni di CO2 di 139 g/km. La percorrenza massima, grazie al serbatoio di 75 litri (e un piede leggero) è di 1.400 km. Per gli altri 2 turbodiesel (il 2 litri da 177 CV e il V6 di 3 litri da 245 CV) i consumi dichiarati sono di 6 e 6,4 litri per 100 km.
Per i 2 benzina; il 2 litri TFSI da 225 CV e il V6 di 3 litri da 272 CV, i litri di benzina bruciata per percorrere 100 km sono rispettivamente 7,6 e 8,5.

Per quanto riguarda le trasmissioni si potrà scegliere tra un classico cambio manuale a sei marce, il tiptronic a otto rapporti (di serie con il 3.0 TFSI) e il cambio sportivo S tronic a 7 rapporti (di serie con il 3.0 TDI). La trazione integrale quattro è di serie su tutti i modelli, tranne che per il il 2.0 TDI da 143 CV.
Torna anche la versione hybrid dotata di un 2 litri TFSI da 211 CV abbinato a un piccolo propulsore elettrico da 40 kW (54 CV), per un massimo di 245 CV (180 kW) e fronte di 480 Nm di coppia. La trasmissione è l’automatica 8 rapporti tiptronic e i consumi si attestano sui 6,9 litri ogni 100 km.

La commercializzazione della nuova Audi Q5 dovrebbe iniziare nel 4° trimestre 2012 con prezzi ancora da comunicare, ma che non dovrebbero discostardi più di tanto da quelli della generazione attuale.