Aprilia ha annunciato ufficialmente il suo ritorno in MotoGP già dalla stagione 2015. Il rientro della casa di Noale nel Mondiale avverrà con un anno di anticipo rispetto ai programmi precedentemente stabiliti. Sarà il Team Gresini a gestire in pista le moto Aprilia grazie a un accordo quadriennale fino al 2018.

La strategia del Gruppo Piaggio per il ritorno dell’Aprilia nell’elitè delle corse mira a favorire la crescita della competitività della casa nello sviluppo dei prototipi a cui darà un contributo fondamentale la squadra di Fausto Gresini in termini di esperienza e conoscenza della classe MotoGP: “Desidero ringraziare il Gruppo Piaggio per avermi offerto un’opportunità irrinunciabile, quella di lavorare a stretto contatto con una Casa costruttrice così gloriosa - ha detto Gresini -. Un marchio italiano che nel corso della propria storia è diventato sinonimo di passione per le competizioni, raggiungendo traguardi incredibili a livello mondiale. L’accordo di collaborazione tra Gresini Racing e Aprilia apre un nuovo capitolo della nostra storia: in questo momento avverto una grande responsabilità, ma ancora più grandi sono le motivazioni e gli stimoli per far sì che questa nuova emozionante sfida tutta italiana proceda nel migliore dei modi. Il mondo dei Gran Premi è parte integrante del marchio Aprilia: poterlo rappresentare nella classe regina, la MotoGP, è per tutti noi un motivo di grande orgoglio. Un riconoscimento incredibile per il lavoro fatto in questi anni dalla Gresini Racing”.

I piloti che terranno alti i colori della casa italiana non sono ancora stati ufficializzati ma dovrebbero essere Marco Melandri, che sta disputando un’ottima seconda parte di stagione con Aprilia nel Mondiale SBK, e lo spagnolo Alvaro Bautista, attualmente sulla Honda del team Gresini in MotoGP.

LEGGI ANCHE

La crisi colpisce Aprilia, a rischio centinaia di posti di lavoro

SBK Jerez 2014: doppietta Melandri e Aprilia, Mondiali riaperti

Aprilia RSV4 2014 Eicma 2013: la supersportiva campione del mondo

Suzuki SBK 2014: la rivincita di Laverty “Aprilia mi voleva in MotoGP”