La Ferrari deve lavorare investendo nello sviluppo tecnico per recuperare il gap dalle migliori ma deve anche lavorare sui piloti, in particolare deve supportare Massa che a Melbourne ha avuto un’altra grande delusione. Peggio di così per Massa non poteva andare. A dirlo è il brasiliano in persona che ha dovuto mestamente abbandonare la pista di Melbourne a seguito di un contatto con Bruno Senna. Uno scontro che gli ha danneggiato la parte anteriore della vettura.

Il ritiro però è stato soltanto uno dei problemi: prima c’è da analizzare il problema con le gomme posteriori che si sono usurate in tempi record costringendo Massa a fermarsi sempre in anticipo rispetto agli avversari. Le gomme posteriori in crisi come lui che ha dovuto lottare con una macchina “scivolosa”.

Durante i test invernali questi problemi non erano mai venuti fuori e perciò lo staff tecnico non aveva una risposta pronta alla criticità. Ci si dovrà riflettere a posteriori. E nel tempo che intercorre tra un gran premio e l’altro, secondo Domenicali bisogna supportare Massa.

Occorre essere vicini al brasiliano, spiega il team manager di Maranello perché in questo periodo è sotto pressione ed è incapace di esprimersi al meglio. L’incidente invece non desta sospetti: se si combatte per aggiudicarsi un posto, può capitare.