Si parla di Formula 1 e si fa un bilancio proprio adesso che siamo arrivati al giro di boa e la prima considerazione riguarda i miglioramenti tecnici della Ferrari. Determinante in questa prima parte della stagione, la gestione degli pneumatici che ha mandato in paranoia anche campioni come Schumy.Michael Schumacher ha detto che gli pneumatici Pirelli gli hanno dato tanti problemi. Hembery ha risposto che invece le gomme fornite dall’azienda italiana sono in linea con le performance delle scuderie, molto livellate a causa delle novità nel regolamento che con la Pirelli, però, non c’entrano niente.

La Ferrari ci ha lavorato parecchio sugli pneumatici ed il miglioramento del warming up ha dato una marcia in più ad Alonso.

Le altre squadre che non hanno insistito più di tanto sul particolare “gomme” hanno comunque avuto vita facile dall’Ungheria in poi visto che le condizioni meteo favorevoli hanno consentito loro di escludere la variabile warming up.

Alla fine Lotus, Red Bull e McLaren sono state velocissime nelle fasi di prova e durante le qualificazioni ed hanno messo in difficoltà anche il campione del mondo virtuale.

Certo è che rispetto a tanti anni fa la situazione è cambiata. Prima, infatti, i test sulle gomme erano preliminari e non successivi allo sviluppo della vettura.