Alpine Vision rappresenta il ritorno del marchio francese nel mondo automotive. Il prototipo coupé biposto a motore centrale posteriore prefigura il design e le performance del modello sportivo di serie che sarà svelato entro la fine dell’anno. Per celebrare la sua rinascita, Alpine ha scelto le strade del Rally Monte-Carlo e le curve del Col de Turini, teatro dei suoi più celebri successi sportivi.

Alpine Vision riprende in parte la storica berlinetta Alpine A110 (soprattutto il disegno del lunotto) presentando una silhouette bassa e filante, un cofano motore bombato che accoglie una coppia di fanali rotondi, fiancate incavate e parafanghi posteriori marcati che si restringono verso una coda affusolata, contraddistinta da gruppi ottici orizzontali. La parte posteriore integra delle prese d’aria sui finestrini laterali posteriori, per favorire il raffreddamento del motore montato in posizione centrale posteriore. I gruppi ottici posteriori sfoggiano una firma luminosa distintiva a “X”. Il propulsore 4 cilindri promette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 4,5 secondi.

Scomparsa commercialmente da un ventennio, Alpine ha continuato il lavoro di coinvolgimento dei fedeli al brand, con i club di appassionati e l’impegno di piloti privati nelle competizioni. Alla fine del 2012, il Gruppo Renault ha annunciato la sua intenzione di rilanciare Alpine. Tre anni dopo l’Alpine Vision prefigura all’80% la vettura che sarà presentata entro la fine del 2016 per battersi sull’esigente mercato delle sport-premium che rappresenta circa 200.000 unità all’anno nel mondo e ha un notevole impatto sull’immagine e la redditività dei costruttori.

In termini di ripartizione geografica, le vendite sul segmento sport premium sono suddivise per il 40% in Nord America, il 35% in Europa, 15% in Asia e 10% nel resto del mondo. In Europa, il 30% dei clienti risiede in Germania, il 30% nel Regno Unito e il 7% in Francia ma è ben rappresentato anche in Svizzera, Belgio e Austria. Le previsioni parlano di un potenziale di espansione di circa 50% entro il 2020, perché si tratta di un mercato trainato dall’offerta, sensibile all’effetto novità, anche nei mercati più maturi, e perché la domanda si rafforzerà nella maggior parte dei mercati emergenti. Alpine Vision è prodotta a Dieppe, in Francia, e sarà commercializzata dal 2017 in Europa e progressivamente nel resto del mondo.