L’Alpine sta per diventare di nuovo realtà, ormai è solo questione di tempo, di poco tempo, e tornerà a solleticare le fantasie degli automobilisti moderni. Infatti, dopo il concept celebrativo mostrato a Le Mans, si attende un nuovo prototipo, questa volta più simile alla versione di serie, che il Brand francese presenterà in occasione del salone di Francoforte.

Quindi, a settembre potremmo vedere l’erede moderna dell’Alpine A110 in veste quasi definitiva, senza orpelli o adesivi di sorta. Per la verità da un’immagine che circola sul web, si riesce a cogliere l’essenza del modello ancor prima che arrivi il suo debutto al salone.

Chiaramente, la ricostruzione grafica si basa, e non poco, sul concept di Le Mans, quindi nessuno stravolgimento di sorta. Quello che balza all’occhio sono le dimensioni compatte e la forma dei fari, decisamente in linea con quella della sua illustre antenata.

Non è un mistero infatti, che il peso dovrebbe mantenersi entro limiti decisamente contenuti, circa 1.100 kg, il che, abbinato ad un motore dalla potenza stimata di circa 250 CV o 300 CV, garantirebbe alla vettura delle prestazioni da vera sportiva, soprattutto in accelerazioni e nelle piste ricche di curve.

Insomma, una arma affilata per le curve, proprio come lo era la mitica A110 che riuscì ad aggiudicarsi un campionato del mondo rally. L’auto, secondo indiscrezioni, potrebbe avere un cambio moderno, un doppia frizione dell’ultima generazione, anche se l’opzione manuale sarebbe gradita da tutti gli appassionati e potrebbe risultare addirittura indispensabile per chi ama la guida vecchio stile.

Dunque, non rimane che attendere per scoprire delle nuove verità in merito all’Alpine, la vettura dovrebbe essere prodotta con questo Marchio e non con il logo Renault, anche se è chiaro che la paternità del progetto la si deve alla Casa della Losanga.

Intanto, apprezziamo il ritorno di un nome così prestigioso, che richiama antichi valori dell’automobilismo e suscita un gradevole effetto amarcord tra gli appassionati del genere.