Alonso, a Monza, è stato strepitoso, almeno quanto Perez, visto che doveva recuperare ben dieci posizioni per salire sul podio e ne ha recuperate sette. Una progressione fantastica che però non è stata sufficiente a farlo salire in alto. Oggi il suo margine è ancora alto ma bisogna stare attenti. 

Alonso con delle gare molto belle collezionate fino a questo momento e con i podi mai mancati, ha potuto accumulare diversi punti di vantaggio dai suoi avversari. Adesso però, fino alla fine del campionato ci sono delle piste molto dure dove, sulla carta, sono favorite McLaren e Red Bull, visto che si chiede un maggiore sfruttamento aerodinamico.

Questo particolare è sufficiente per non far sedere sugli allori Alonso che ha iniziato comunque la fase delle “gare intelligenti”. L’asturiano che dal podio di Monza ha urlato la sua volontà di non mollare, sostiene:

Dobbiamo affrontare ogni fine settimana come se dovessimo rimontare anziché conservare dei punti di vantaggio. Mancano sette gare abbastanza stressanti e in cui negli ultimi anni non abbiamo vinto, quindi bisogna fare un passo avanti e continuare a migliorare.

Insomma, adesso sono necessari gli aggiornamenti tecnici attesi per Singapore:

Tutto vorranno migliorare ma noi non abbiamo ancora potuto introdurre alcuni pezzi che altri hanno già. Tutti continuano lo sviluppo, ma sono molto fiducioso. La McLaren è in gran forma, ma penso che possiamo recuperare un po’ il gap.