Domenica si corre a Silverstone per il GP d’Inghilterra ma la F1 entra nel vivo del mercato piloti. Gli occhi dei riflettori sono puntati su Fernando Alonso: il suo contratto con la Ferrari scade nel 2016 ma non è da escludere un clamoroso divorzio tra l’asso asturiano e la scuderia di Maranello. Alonso è apprezzato da tutti i top team (Red Bull inclusa) e, in caso di addio alla rossa, la pista più percorribile resta quella della McLaren con la squadra inglese che cerca da tempo di convincerlo a tornare a Woking.

Nel quartier generale britannico, le voci di un possibile divorzio con Jenson Button si fanno sempre più fitte. Con 16 milioni a stagione, il veterano è il pilota più pagato del circus dopo Hamilton e Alonso (20 milioni). Il suo contratto, insieme a quello di Magnussen, scade a fine 2014 e Ron Dennis nel 2015 vorrebbe avere almeno un top driver come Alonso (tra gli obiettivi ci sono Vettel o Hamilton) per l’inizio della nuova era Honda e il lato economico non rappresenta certo un problema (50 i milioni messi sul piatto).

Ci sono poi diversi elementi che possono far pensare a un addio di Alonso alla Ferrari: l’assenza di Fernando ai test di Silverstone, dove lascerà il lavoro connazionale de la Rosa e al compagno Raikkonen, getta qualche ombra sul suo futuro. Visto il momento difficile della rossa, la presenza del pilota numero uno sarebbe stata a dir poco fondamentale. Non è certo la prima volta che l’asturiano salta un test ma la stampa spagnola parla di un pilota stanco a cui ormai non bastano più l’apprezzamento della scuderia e dei tifosi. In un’intervista recente ad As il diretto interessato ha ribadito il concetto: “Da cinque anni andiamo avanti così. Preferirei avere meno rispetto ma vincere qualcosa in più”.

Spesso Alonso parla rassegnato ai microfoni dei giornalisti nel post gara e la Ferrari, conscia che la situazione non è delle più rosee, si sarebbe già mossa per rinnovare in anticipo il suo contratto in modo che lo spagnolo non guardi ad altri lidi. Le trattative – secondo la stampa iberica – sarebbero già avviate ma una fonte interno al Cavallino ha smentito seccamente ad As: “Non abbiamo fretta di rinnovare con Fernando. Ha un contratto con noi fino al 2016, siamo concentrati nel migliorare la vettura e nient’altro”. Una smentita che, come spesso accade in questi casi, può essere solo di facciata. A rinforzare l’ipotesi di un addio a fine stagione ci pensa l’ex ferrarista Mika Hakkinen: “La Ferrari è sempre più nella situazione di dover sostituire uno dei due piloti e i commenti fatti da Alonso non suonano come quelli di chi resterà a lungo con la Ferrari“.

Per chi capire chi arriverà in McLaren bisognerà attendere ancora un po’ di tempo. Molto dipenderà dal prosieguo della stagione ma visto che Ferrari e Renault stanno fallendo la sfida ibrida, l’idea che Honda possa fare meglio sta decisamente prevalendo. Chissà se riuscirà a tenere il passo della Mercedes o addirittura a superarla.

LEGGI ANCHE

Formula 1 Monza: nel 2016 l’ultimo Gran Premio

Nuove regole F1: la safety car impone una nuova partenza

Cartella clinica Schumacher rubata: il vile sciacallaggio non si ferma

F1 Austria: torna la solita Mercedes, primo podio per Bottas

Schumacher esce dal coma e lascia l’ospedale

Montezemolo choc: “La Ferrari potrebbe lasciare la Formula 1″