L’Alfa Romeo Giulia arriverà probabilmente sul mercato europeo verso la fine del 2016. Il ritardo con cui la nuova berlina di casa Alfa Romeo debutterà non ferma i rumors e le indiscrezioni sulle motorizzazioni. La pagina Facebook Alfa Romeo Project 952 rilascia nuove informazioni sui propulsori benzina e diesel che andranno a caratterizzare la nuova Alfa Romeo Giulia.

L’entry level dovrebbe essere un motore 2.2 JTDM turbodiesel in tre differenti livelli di potenza: 150, 180 e 210 CV. Nell’immagine pubblicata su Facebook (qui i dettagli) la potenza è indicata in HP, cavallo vapore britannico, e non in CV, Cavallo vapore, (dove 1CV equivale a 1,013HP). La gamma dei motori diesel dovrebbe offrire sia un cambio manuale a 6 rapporti (MTX) che un cambio automatico ad otto rapporti (ATX). La trazione sarà posteriore ma è quasi certo che la variante con motore 2.2 JTDM da 210 CV sarà realizzata con trazione integrale.

Tra i motori a benzina il 2.0 turbo Global Medium Engine rappresenta una nuova famiglia di propulsori che debutteranno proprio con la Giulia. Anche qui sono previsti tre livelli diversi di potenza: 200 CV è quella minima mentre le altre dovrebbe di 250 e 280 CV dovrebbero essere disponibili anche con la trazione integrale e con l’unica possibilità del cambio automatico ad otto rapporti. A queste si aggiungerà la versione Quadrifoglio della nuova Alfa Romeo Giulia: il motore 2.9 litri V6 di derivazione Ferrari che andrà a erogare 510 CV. La versione sportiva della berlina del Biscione dovrebbe debuttare sul mercato europeo entro la metà del 2016.

Possibile che il 2.2 JTDM turbodiesel da 150 CV non sia l’entry level visto la consolidata tendenza al downsizing (anche per le berline) e a consumi e costi di gestione ridotti. La gamma completa della nuova Alfa Romeo Giulia sarà presentata al Salone di Ginevra del prossimo mese di marzo.