Alex Zanardi prende parte ad un nuovo impegno sociale: l’abbattimento delle barriere digitali. Il campione olimpico di handbike ed ex campione della Cart americana è diventato presidente della Fondazione Vodafone Italia.

Nel triennio 2013-2015 la fondazione prevede d’investire 5 milioni di euro all’anno nello sviluppo di tecnologie mobili che aiutino a migliorare l’accessibilità e l’inclusione sociale. Fra i principali progetti: alfabetizzazione digitale per gli over 55, un programma di formazione erogato da 500 studenti universitari nelle principali città italiane; Ricarica insieme, in cui per ogni euro donato sulle ricariche dai clienti a sostegno di progetti sociali per i minori, Fondazione Vodafone s’impegna a donarne uno a sua volta; Mobile Angel, uno strumento di pronto intervento per le donne vittime di stalking, in collaborazione con ministero dell’Interno e Polizia di Stato. E’ un dispositivo simile ad un cellulare, premendo il pulsante di allarme per pochi secondi, è possibile ottenere un aiuto tempestivo grazie alla geolocalizzazione.

Zanardi (foto by InfoPhoto) ha dichiarato: “Assumo questo importante incarico portando in dote l’affetto delle persone che, a torto o a ragione, vedono in me uno che nella vita ha affrontato grandi difficoltà. Cercherò di assolvere questo compito che mi onora con l’impegno e la passione che mi hanno consentito di trasformare nel tempo tanti primi passi nelle avventure più belle della mia vita“.

Paolo Bertoluzzo, amministratore delegato di Vodafone Italia e Sud Europa, ha commentato: “Sono felice che Alex Zanardi sia salito a bordo della Fondazione Vodafone Italia. Alex rappresenta un simbolo vivente della voglia di guardare al futuro e della fiducia costruita sull’impegno, per continuare a vincere e darsi nuovi traguardi. Per noi la Fondazione rappresenta un investimento sul futuro, non una scelta di buonismo. Un impegno  che non si esaurisce con il nostro investimento, ma che deve poter avere seguito e continuare a creare valore“.