Grande acquisto in casa Google che ha nominato nel consiglio di amministrazione Alan Mulally. L’ex CEO di Ford ha dato l’addio alla casa di Detroit lo scorso 1 luglio mentre il colosso di Mountain Wiew avrebbe corteggiato Mr. Mulally per diversi mesi, secondo una fonte attendibile non meglio precisata del Wall Street Journal secondo la quale Microsoft e Google sarebbero state le uniche società a cui il dirigente avrebbe aspirato dopo il “congedo” da Ford.

Il 68enne americano, ex Boeing, lavorerà anche al comitato di controllo presieduto da Eric Schmidt e la sua esperienza nel settore automotive e aeronautico potrà tornare utilissima a Google che punta a espandersi in queste industrie come dimostrano i progetti di self-driving, i sistemi di informazione e di intrattenimento per auto e l’accesso a internet fornito da droni e satelliti. Il CEO di Google Larry Page ha voluto conoscere Mulally dopo aver letto il libro “American Icon”, che racconta gli sforzi fatti dell’ex capo di Ford. L’autore è Bryce G. Hoffman, giornalista che ha parecchia dimestichezza in materia: “Alan porta una comprovata esperienza di business, e di leadership tecnologica” ha detto Page in un post.

Oltre che per la visione strategica di un dirigente stimato ad alti livelli, l’arrivo a Google dell’ex numero uno dell’Ovale Blu è da considerarsi molto importante visto che Big. G. ha aggiunto solo altro nuovo membro al suo Cda dal 2005 e Mulally è stato vicino al passaggio a Microsoft nello scorso inverno: “Visto che il progetto di auto di Google avanza, l’azienda ha bisogno di un approccio differente per affrontare la sicurezza e le altre sfide nel settore auto” ha dichiarato Bob Denaro, consulente in sistemi di trasporto intelligenti e l’ex dirigente di Nokia e Motorola.

Google ha avuto un rapporto piuttosto complicato con l’industria automobilistica sin dal suo progetto di auto self-driving (Google car) iniziato circa cinque anni fa. Lo sviluppo di una vettura completamente autonoma è stato in gran parte spazzato via dalle preoccupazioni circa i rischi di responsabilità civile visto che i veicoli sono progettati per circolare su strade pubbliche per trasportare persone. Al tempo stesso, la maggior parte dei produttori di auto ha aggiunto caratteristiche di guida autonomi per le proprie vetture.

Mountain Wiew sta inoltre sviluppando una versione del sistema operativo Android sulle auto esistenti con l’obiettivo di diventare l’hub per funzioni di navigazione, comunicazione e intrattenimento e vincere definitivamente la sfida con Apple. Mulally, che avrebbe accumulato un monte azioni Ford del valore di 6,2 milioni di dollari, ha fatto chiudere il 2013 di Ford con 7,2 miliardi di dollari di fatturato, distribuendo ai dipendenti Ford un bonus straordinario di 8.800 dollari.

LEGGI ANCHE

Google car: ecco l’auto che si guida da sola

Vendite auto 2014: Ford Fiesta si conferma regina d’Europa tra le compatte

Vendite auto 2014: Toyota e Ford hanno il miglior impatto sui social network

Ford Fiesta ST 2014: in un anno 22 riconoscimenti in tutto il mondo