Le industrie dell’auto non investono spontaneamente nella ricerca di soluzioni ecologiche per le vetture da inserire nel mercato. Ecco allora che i bandi di finanziamento sono una fonte importante.Ci si affida spesso a concorsi e bandi per finanziare la ricerca. È quel che accade nel settore auto a cui vuole pagare gli ingegneri per creare macchine a basso impatto ambientale. L’ultimo finanziamento in ordine cronologico è quello della Regione Piemonte.

La Fiat però è fuori dal progetto. Sono stati stanziati infatti ben 60 milioni di euro per la ricerca dell’auto del futuro, per la costruzione cioè di una piattaforma tecnologica che possa supportare la ricerca industriale nel settore automobilistico.

Il bando è arrivato in seguito all’accordo tra l’Università, l’associazione degli imprenditori e le aziende. Il testo del concorso verde, però sarà pubblicato soltanto a gennaio 2012. Dopodiché almeno 12 milioni di questo “fondo”, saranno impiegati.

I temi del concorso sono: l’uso di materiali nuovi che alleggeriscano il peso dei veicoli, il recupero energetico, la riduzione delle perdite e l’impiego di motori a basso impatto ambientale.

La sede per lo sviluppo dei progetti sarà a Mirafiori negli impianti della Tnt. L’esperienza aziendale e territoriale del Piemonte farà da guida allo sviluppo.